Articoli

Afrodite era la dea dell’amore e della bellezza, chiamata Venere dai romani, era la più bella fra le dee.

Afrodite fu spesso chiesta in sposa per la sua bellezza, e a differenza delle altre dee che non avevano scelto i loro compagni, ebbe la possibilità di scelta. Afrodite ebbe numerosi compagni e li tradì ripetutamente.

L’archetipo Afrodite determina il piacere che alcune donne provano verso la bellezza, la sensualità e la sessualità.

Ogni donna, nel momento in cui si innamora diventa la personificazione dell’archetipo Afrodite.

Se questo archetipo è dominante nella personalità di una donna, lei si innamorerà spesso e volentieri. Nelle culture dove la sensualità e la sessualità sono degradate, le donne con questo archetipo dominante sono considerate tentatrici o prostitute.

Quando la donna Afrodite si innamora di qualcuno che non la ricambia, si sente posseduta da un desiderio crudele e da nostalgie non corrisposte.  Il suo matrimonio è spesso animato dalla sua sensualità.

Afrodite è una donna creativa, affascinante, con un carisma personale, magnetismo. Sceglie uomini non sempre buoni per lei: creativi, complessi, emotivi, uomini che non necessariamente vogliono fare carriera e che non vogliono essere mariti o padri.

Era spesso associata alle rose perché simbolo del dono degli amanti.

Per questo motivo abbiamo scelto un allestimento a tema rose.

Il colore rosa rappresenta la delicatezza della bellezza di Afrodite, lo troviamo nei tessuti della tovaglia e nei fiori del coordinato grafico.

Il color oro rappresenta la sua regalità e lo troviamo nei dettagli delle posate, nel sottopiatto e nel segna posto.

 

L’abito scelto è importante ed elegante.

Il tessuti utilizzati lo rendono raffinato pur conservando la sua semplicità.

Questa la nostra proposta per chi si riconosce anche in parte in Afrodite, per maggiori informazioni ti invito a guardare la mia pagina su Instagram @dagwedding e/o a contattarmi qui https://dagweddingplanner.com/contatti/

Coordinato grafico @lovethedate

Abito @ateliergiusy

Biobliografia “Le dee dentro la donna” Jean S.Bolen

Dalila Azzurra Giordano

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo.

E’ così che ho chiamato il mio progetto e finalmente ora posso parlarvene perché ormai manca poco!

“A ogni dea il suo costume” è frutto di uno studio approfondito che ho fatto sulle sette dee e i loro archetipi, lo studio delle donne moderne e di come si interfacciano alla vita e al matrimonio.

Mi piaceva l’idea di poter incrociare l’antichità con il presente, la mitologia con il mondo moderno, le dee con le donne attuali.

Partiamo dal fatto che ognuna di noi è attraversata da tutte e sette le dee, spesso però si lascia dominare da una di loro e questo ne determina la sua personalità.

A partire da Novembre, ogni mese sarà dedicato a una dea. La mia sarà una rubrica dove potrete attingere idee di allestimento, colori, abiti e stationary.

Ogni mese verrà svelata una dea diversa.

Vi parlerò di ognuna di loro, spiegando chi era e cosa faceva e poi vi porterò al mondo moderno e vi spiegherò quale tipo di donna moderna oggi incarna quella dea.

Che tipo di abito da sposa sceglierebbe? 

Che tipo di allestimento?

Che tema e con che colori?

“A ogni dea il suo costume” sarà la rubrica per le future spose in cerca non solo di spunti di nozze, ma anche di emozioni.

Il titolo che ho scelto non è un caso. Il costume non rappresenta solo l’abito, ma anche il modo di pensare e di agire di una persona così come lo è questo progetto.

Siete pronte?

Seguitemi perché man mano vi dirò dove e quando verrà svelata la prima dea.

Ma se nel frattempo avete bisogno di qualche dritta, a questo link trovate le varie consulenze per voi:

https://dagweddingplanner.com/consulenze/

A presto!

Dalila Azzurra Giordano

Ciao ragazze,

oggi vediamo come trovare il proprio tema nozze.

Come ben sappiamo, oggi come oggi gli eventi sono quasi tutti a tema, ma molto spesso le coppie non sanno quale tema scegliere e arrivano da me senza idee.

In realtà però, il tema non nasce mai dall’esterno ma sempre dall’interno e proprio per questo è utile porsi delle domande come ad esempio:

Cosa vi piace fare?

Chi siete?

Come passate il tempo?

L’allestimento personalizzato deve calzare come un vestito e deve parlare di voi, pertanto solo voi avete le risposte a ciò che cercate.

Non dovrete necessariamente avere degli interessi comuni, anche avere interessi diversi va bene. In fase di allestimento si troverà il modo di trovare un filo conduttore tra un interesse e l’altro.

Se avete trovato il vostro tema, passate alla scelta della palette colori per un massimo di 4 colori (prossimamente vedremo anche come accostare i colori).

Poi passate alla creazione del moodboard per vedere l’effetto finale.

E se proprio un tema non riuscite a trovarlo, scegliete i colori perché con essi si può sempre giocare e creare qualcosa di creativo.

A presto

Dalila Azzurra Giordano

Se sei curiosa di conoscere i servizi di design, clicca qui:

https://dagweddingplanner.com/wedding-designer/

Se desideri valutare una consulenza, clicca qui:

https://dagweddingplanner.com/consulenze/