Credo che non avrei potuto scegliere una foto di copertina migliore per descrivere loro due…Chiara e Mattia

Ma torniamo indietro esattamente al 3 gennaio 2020 quando Mattia mi contatta chiedendomi subito un appuntamento di persona, essendo della zona, per saperne di più sui servizi che offro.

All’ appuntamento vedo arrivare una giovane coppia bella e affiatata e poco dopo intuisco che hanno il senso dell’ humor, il che devo dire va a nozze con il mio modo di essere.

Mi dicono che vorrebbero sposarsi ad ottobre dello stesso anno e che hanno il timore di non riuscire a fare tutto. Faccio un pò di domande su di loro: di dove sono, che lavoro fanno, cosa fanno nel tempo libero, se hanno degli interessi comuni, cosa si aspettano da quel giorno..

Mi dicono che il loro primo obiettivo è far divertire le persone, non vogliono un matrimonio noioso, lui mi dice che ama Batman e lei gli 883.

Torno a casa con un po di informazioni, ma non trovo il filo comune ai due temi. Ci penso e ci ripenso e alla fine mi dico “Perché non dividere le squadre? Batman (lato sposo) Vs 883 (lato sposa)?”. Se lo scopo è farli divertire, può funzionare!

Propongo ai ragazzi questa soluzione e accettano, cominciamo così a lavorarci tutti insieme e da un’idea di Mattia sul tableau interattivo, di cui ho già scritto qui https://dagweddingplanner.com/2021/11/16/il-tableau-interattivo/ nasce il progetto.

Il tempo di selezionare la location e arriva il Covid e dopo qualche mese di smarrimento, come tutti ricordiamo, i ragazzi decidono di posticipare il matrimonio all’anno dopo e quindi al 23 ottobre 2021.

Ci siamo ritrovati così da avere poco tempo, ad averne tanto. Abbiamo selezionato i fornitori online, che per me non è una novità, ma per tanti sposi si e ci siamo divertiti tanto.

La location che abbiamo scelto si adattava benissimo alla stagione e al piano B, che sapete va sempre considerato, anche se quel giorno il tempo è stato bellissimo e siamo riusciti a conservare il piano A.

I colori ovviamente sono stati scelti in funzione dei due temi e devo dire che in questo non c’era via di scampo: nero e giallo erano i colori comuni. Naturalmente la base bianca l’abbiamo tenuta.

Dopo aver definito la palette colori, abbiamo scelto i fiori che sposavano meglio e incontravano i gusti di tutti e non potevano che essere i Girasoli, accompagnati dalle Margherite.

Come bomboniere, i ragazzi hanno scelto delle matite piantabili con erbe aromatiche.

Abbiamo progettato tutto nei minimi dettagli e ne è uscita una giornata indimenticabile.

Quel giorno c’era un sole bellissimo, come di consueto sono andata a consegnare il bouquet alla sposa  e poi i fiori all’ occhiello allo sposo. Per problemi logistici abbiamo optato per la visita prima alla sposa.

Dopo la cerimonia, era desiderio dello sposo fare qualche scatto divertente in un campo da calcio insieme ai suoi più cari amici, mentre gli ospiti raggiungevano la location.

All’arrivo in struttura si è dato inizio al buffet di aperitivi e antipasti all’aperto e successivamente ci si è spostati dentro per il pranzo.

Gli sposi hanno fatto il loro ingresso con il microfono alla mano sulle note degli 883.

Durante il ricevimento, pur rispettando le normative Covid, gli invitati hanno cantato a turno la canzone assegnata al loro tavolo mentre gli sposi si aggiravano felici e divertiti nella sala, aiutandoli a cantare.

Il taglio della torta, il lancio del bouquet e il dopo cena si è potuto svolgere fuori, complice il bel tempo.

Ed ora vi lascio un pò di foto per farvi dare un’ occhiata.

 

A presto,

Dalila Azzurra Giordano

Per avere maggiori informazioni sul servizio di design, clicca qui https://dagweddingplanner.com/wedding-designer/

Credits:
Weddin planner & designer @dagwedding
Photo @simonellistudio
Floral designer @monicamichelottofloraldesigner
Graphic designer @lovethedate
Wedding favours @justtuscany_design
Venue @tenutacostigliola
Dj @marco_orlando_musician

 

 

 

 

 

Afrodite era la dea dell’amore e della bellezza, chiamata Venere dai romani, era la più bella fra le dee.

Afrodite fu spesso chiesta in sposa per la sua bellezza, e a differenza delle altre dee che non avevano scelto i loro compagni, ebbe la possibilità di scelta. Afrodite ebbe numerosi compagni e li tradì ripetutamente.

L’archetipo Afrodite determina il piacere che alcune donne provano verso la bellezza, la sensualità e la sessualità.

Ogni donna, nel momento in cui si innamora diventa la personificazione dell’archetipo Afrodite.

Se questo archetipo è dominante nella personalità di una donna, lei si innamorerà spesso e volentieri. Nelle culture dove la sensualità e la sessualità sono degradate, le donne con questo archetipo dominante sono considerate tentatrici o prostitute.

Quando la donna Afrodite si innamora di qualcuno che non la ricambia, si sente posseduta da un desiderio crudele e da nostalgie non corrisposte.  Il suo matrimonio è spesso animato dalla sua sensualità.

Afrodite è una donna creativa, affascinante, con un carisma personale, magnetismo. Sceglie uomini non sempre buoni per lei: creativi, complessi, emotivi, uomini che non necessariamente vogliono fare carriera e che non vogliono essere mariti o padri.

Era spesso associata alle rose perché simbolo del dono degli amanti.

Per questo motivo abbiamo scelto un allestimento a tema rose.

Il colore rosa rappresenta la delicatezza della bellezza di Afrodite, lo troviamo nei tessuti della tovaglia e nei fiori del coordinato grafico.

Il color oro rappresenta la sua regalità e lo troviamo nei dettagli delle posate, nel sottopiatto e nel segna posto.

 

L’abito scelto è importante ed elegante.

Il tessuti utilizzati lo rendono raffinato pur conservando la sua semplicità.

Questa la nostra proposta per chi si riconosce anche in parte in Afrodite, per maggiori informazioni ti invito a guardare la mia pagina su Instagram @dagwedding e/o a contattarmi qui https://dagweddingplanner.com/contatti/

Coordinato grafico @lovethedate

Abito @ateliergiusy

Biobliografia “Le dee dentro la donna” Jean S.Bolen

Dalila Azzurra Giordano

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo.

Prima di dedicare un articolo intero a Chiara e Mattia, penso che valga la pena dedicare un articolo al loro tableau.

Il tema di questo matrimonio era Batman Vs 883 questo perché lo sposo è un amante di Batman e la sposa degli 883, (il brivido che ho provato alla sola idea di creare questo matrimonio ve lo racconterò un’altra volta).

Lo scopo principale degli sposi era far divertire gli ospiti, posto che il loro target era abbastanza giovane.

Dopo tanto pensare e ripensare, idee e progetti che in 4 avevamo, un giorno mi arriva un video con uno schizzo fatto dallo sposo su un block notes…”E se facessimo…?” posso dire che è iniziata così.

Ti avviso, se hai delle idee folli per il tuo allestimento sei nel posto giusto!

L’idea di Mattia era a dir poco geniale e ciò che la rendeva unica era che era la sua idea, per il loro matrimonio.

Ho accettato la sfida e mi sono subito attivata con la graphic designer e posto qualche piccola modifica per problemi tecnici, era tutto fattibile e così è stato!

Il tableau rappresentava lo skyline notturno dove venivano proiettati i fasci di luce di Batman con all’interno i Bat-segnali. Ogni Bat-segnale aveva il nome di un invitato e sul retro una frase della canzone degli 883. In mezzo, il tableau riportava la data delle nozze con il logo degli 883 e ogni tavolo aveva il nome del titolo di una loro canzone. Ogni ospite arrivando difronte al tableau avrebbe staccato il proprio Bat-segnale e lo avrebbe portato con sè al suo posto. Successivamente, il dj avrebbe chiamato a sorpresa ogni tavolo e lo avrebbe coinvolto facendo cantare la frase scritta sul retro del Bat-segnale in riferimento alla canzone del loro tavolo.

Rimaneva un problema, però.

Staccando le foto, il tableau si sarebbe svuotato e agli sposi sarebbe rimasto solo un pannello con tanti fasci bianchi ed è così che ho avuto un’idea che ho proposto agli sposi e loro hanno prontamente accettato.

Ho pensato di mettere accanto al tableau una polaroid e una cornice con scritto: Scattati una foto ed appendila al tableau per lasciarci un ricordo di questa giornata speciale”

In questo modo, gli ospiti hanno potuto scattare da soli delle foto e lasciarle agli sposi in loro ricordo!

Se hai un’idea folle per il tuo matrimonio, contattami https://dagweddingplanner.com/contatti/  la realizziamo!

Dalila Azzurra Giordano

@lovethedate

@tenutacostigliola

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo!

 

State cercando idee per la proposta di matrimonio?

Magari vi piacerebbe realizzare qualcosa di carino ma non sapete cosa?

@etsy.com

Le idee sono infinite: in viaggio all’estero, a casa a sorpresa, al cinema, con flashmob, a bordo lago, facendole comporre un puzzle creato appositamente con la frase magica, a cena fuori, con un aeroplano che sospende la proposta…

@itakeyou.co.uk

Ci sono innumerevoli modi per poterlo fare, ma sapete che in questo spazio le cose si fanno dal cuore e per il cuore e quindi a me piace aiutarvi a trovare la formula perfetta per voi e non quella che avete trovato su internet.

Provate a pensare a voi due, a come vi siete incontrati, a cosa vi lega, le passioni che avete in comune o anche qualche evento particolare che avete passato insieme. Siamo così abituati a cercare le risposte fuori da noi stessi che spesso dimentichiamo che le abbiamo proprio dentro di noi.

Quando un uomo mi ingaggia per realizzare una proposta di matrimonio, faccio sempre questo tipo di domande che non sono date dalla curiosità, bensì dal cercare di farvi trovare la strada. La vostra!

Finisce sempre che la strada la trovate voi, io sono solo il vostro faro e poi ovviamente colei che vi aiuta a realizzare quello che avete in mente.

Oggi pensando a questo articolo e complice il fatto che quest’anno non vedo l’ora che sia Natale e che sento particolarmente l’atmosfera natalizia che si avvicina, mi sono ritrovata a pensare a un albero di Natale decorato di tante palline trasparenti e dipinte, come piacciono a me, e in una di queste un bigliettino con scritto:

“Will you marry me?”

Per maggiori informazioni per il servizio di proposta di matrimonio, clicca qui https://dagweddingplanner.com/consulenze/

Se lo vorrai sarò lieta di aiutarti

Dalila Azzurra Giordano

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo.

Foto di copertina @brides.com

Ed eccoci qui a riprendere il nostro appuntamento e con oggi vorrei affrontare un tema estremamente sottovalutato: le luci.

Se è vero che l’allestimento colpisce subito l’occhio di un invitato, sappiate che le luci sono la base di ogni allestimento, un pò come il colore delle pareti in una stanza o la base per il trucco.

E’ importante osservare in una location dov’è posizionata l’illuminazione rispetto ai focus che vi servono, come ad esempio: sala e spazio riservato al ricevimento, taglio torta, confettata, divani, buffet, eventuali complemento d’arredo che andrete a inserire ecc…

Qualora la location fosse carente (in alcuni punti che voi volete allestire) di illuminazione, occorrerà procedere con l’illuminazione di rinforzo. Mi viene in mente un tavolo imperiale in un giardino buio che necessita di luce aggiuntiva.

@brides.com

Allo stesso modo, dovrete tener conto che ci saranno cose che vorrete mettere in ombra e quindi considerare se è possibile spegnere le luci in quel preciso luogo.

E’ un po’ come andare a teatro e osservare che le luci si accendono sui protagonisti e si spengono su punti che non vanno in scena in quel momento.

In fin dei conti gli allestimenti sono scenografie!

@100layercake.com

Ma la posizione non è l’unico fattore che ci interessa, occorre anche considerare l’intensità della luce, il colore, la distribuzione.

La luce è abbastanza forte da illuminare quel corner o si perde? O magari è troppo intensa per ciò che volete realizzare?

La luce presente è fredda o calda? Qualora fosse fredda, non possiamo pensare di integrare con illuminazione calda, pensate che brutto effetto!

Inoltre, si tratta di luce diretta o è più diffusa e morbida?

Le luci sono spesso sottovalutate o addirittura non considerate, ma in realtà sono il primo trucco di un allestimento. Se le luci sono perfette, il risultato sarà con molta probabilità un successo.

@stylemepretty.com

Osservate i grandi eventi, guardate le varie foto sui social di matrimoni importanti e osservate come e dove sono posizionate le luci. E’ tutto minuziosamente studiato a tavolino con uno strumento chiamato Wedding lighting board e anche quando c’è ombra, non abbiate dubbi: lo hanno voluto!

E adesso che vi ho dato queste dritte, potrete anche da sole iniziare a osservare e diventerete esperte per il vostro matrimonio.

Ph copertina @hoorayweddings.com

Se vuoi sapere cosa posso fare per te sul tema allestimento, clicca qui https://dagweddingplanner.com/wedding-designer/

Se invece vuoi prenotare una consulenza, clicca qui https://dagweddingplanner.com/contatti/

A presto,

Dalila Azzurra Giordano

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo!

Oggi usciamo un po’ dall’ambito prettamente matrimoniale per parlare un po’ di come accogliere gli ospiti in ogni situazione, anche a casa.

Anzitutto è bene sapere che è opportuno creare un ambiente adatto dove nulla verrà lasciato al caso: la temperatura, gli odori, le luci e i suoni.

I cappotti degli invitati verranno raccolti tutti in uno stand.

Le buone maniere che tutti conosciamo sono quelle del: salutare all’entrata in una stanza, presentarsi a chi non si conosce, accompagnare un ospite all’uscita porgendo il cappotto, ascoltare, rispettare gli altri e l’ambiente, ringraziare, parlare a bassa voce.

Foto di @gucki.it

Ma ricordiamo che la buona educazione eccessiva si fa sempre notare e ricordare perché colpisce di più e quindi qui vi propongo delle semplici pillole di educazione:

  • Non parlare di argomenti scomodi, gossip o di chi non c’è;
  • Evitare di monopolizzare la conversazione con argomenti che ci stanno a cuore;
  • Coinvolgere più persone;
  • Mai parlare sottovoce a una persona sola se ce ne sono altre;
  • Non parlare sull’altro;
  • Non interrompere la conversazione;
  • Tenere in considerazione l’opinione altrui facendo domande di approfondimento sul tema;
  • Non parlare in modo aggressivo;
  • Ricordare il nome delle persone (magari associandoli a una caratteristica per facilitare la memoria);
  • Adattarsi alle regole del padrone di casa;
  • Sorridere.

E’ bene ricordare che a tavola l’argomento da prediligere è il cibo e per creare una conversazione amabile bisogna saper entrare nell’argomento con creatività e conoscenza, per creare interesse in chi ascolta.

Spero di avervi dato delle informazioni utili, se vi è piaciuto questo articolo condividetelo.

Alla prossima!

Dalila Azzurra Giordano

Foto di copertina @karaspartyideas.com

Avere un fornitore affidabile non è auspicabile, è assolutamente necessario!

Bisogna tenere presente che nell’arco di tutto il tempo in cui si organizza il matrimonio, possono sorgere innumerevoli imprevisti, soprattutto a ridosso dell’evento ed è importantissimo avere un team di fornitori preparati e competenti.

 

Non è detto che chi si è appena avviato ad esempio, valga meno di chi opera nel settore da molti anni, non facciamoci ingannare da questo.

E’ possibile che ci siano fornitori operanti nel mondo del Wedding da tempo ma poco inclini al cambiamento o poco flessibili e questo vi potrebbe portare alcuni problemi nel caso in cui voleste apportare un cambiamento in corso d’opera.

Poniamo un esempio.

Avevate deciso di utilizzare una sala di una Villa per il ricevimento, ma a causa di alcuni imprevisti il numero degli ospiti è vertiginosamente sceso ed è necessario cambiare sala, utilizzarne una più piccola. Nella sala piccola però c’è poca illuminazione artificiale e perciò si rende necessario l’ausilio di luci aggiuntive da parte di un fornitore esterno. Il proprietario della Villa però si oppone, asserendo che si può utilizzare la sala grande visto che è già illuminata a sufficienza.

Vi assicuro che non c’è niente di più brutto che avere una location non adatta al numero degli invitati e in questo caso la sala grande risulterebbe vuota e sproporzionata.

Questo fornitore dimostra di avere poca flessibilità e quindi è bene non lasciarci prendere necessariamente dai luoghi comuni, ma valutare attentamente le varie situazioni.

Il fornitore perfetto quindi, risponde a un mix di requisiti che possono essere:

rapporto qualità/prezzo;

flessibilità;

capacità di problem solving;

attenzione al cliente;

disponibilità

Attenzione a non sottovalutare l’ultimo punto perché potrebbe sembrare una sciocchezza ma è davvero frustrante dover rincorrere un fornitore che non vi risponde. Ovviamente con questo non voglio dire che siete autorizzate a fare gli stalker!

Abbiate cura di scegliere i vostri fornitori, d’altronde saranno colore che vi aiuteranno a realizzare il vostro sogno.

Se hai bisogno di aiuto per ricercare il fornitore più adatto a te, il servizio “A la carte” è quello adatto a te, consultalo a questo link: https://dagweddingplanner.com/wedding-planner/

Per prenotare una consulenza, clicca qui: https://dagweddingplanner.com/contatti/

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo!

A presto!

Dalila Azzurra Giordano

 

E’ così che ho chiamato il mio progetto e finalmente ora posso parlarvene perché ormai manca poco!

“A ogni dea il suo costume” è frutto di uno studio approfondito che ho fatto sulle sette dee e i loro archetipi, lo studio delle donne moderne e di come si interfacciano alla vita e al matrimonio.

Mi piaceva l’idea di poter incrociare l’antichità con il presente, la mitologia con il mondo moderno, le dee con le donne attuali.

Partiamo dal fatto che ognuna di noi è attraversata da tutte e sette le dee, spesso però si lascia dominare da una di loro e questo ne determina la sua personalità.

A partire da Novembre, ogni mese sarà dedicato a una dea. La mia sarà una rubrica dove potrete attingere idee di allestimento, colori, abiti e stationary.

Ogni mese verrà svelata una dea diversa.

Vi parlerò di ognuna di loro, spiegando chi era e cosa faceva e poi vi porterò al mondo moderno e vi spiegherò quale tipo di donna moderna oggi incarna quella dea.

Che tipo di abito da sposa sceglierebbe? 

Che tipo di allestimento?

Che tema e con che colori?

“A ogni dea il suo costume” sarà la rubrica per le future spose in cerca non solo di spunti di nozze, ma anche di emozioni.

Il titolo che ho scelto non è un caso. Il costume non rappresenta solo l’abito, ma anche il modo di pensare e di agire di una persona così come lo è questo progetto.

Siete pronte?

Seguitemi perché man mano vi dirò dove e quando verrà svelata la prima dea.

Ma se nel frattempo avete bisogno di qualche dritta, a questo link trovate le varie consulenze per voi:

https://dagweddingplanner.com/consulenze/

A presto!

Dalila Azzurra Giordano

Oggi parliamo di ceramiche, dei vari tipi che ci sono, come riconoscerli e cosa scegliere per il vostro matrimonio.

Innanzitutto diciamo che per ceramica  si intende ogni oggetto che viene realizzato con contenuto argilloso insieme ad altri elementi, oppure con solo argille e cotto a temperature elevate. La natura degli altri elementi, la temperatura della cottura e la percentuale di argilla determinano ceramiche diverse nell’aspetto come le porcellane, le maioliche o le ceramiche bianche.

L’argilla viene divisa in primaria e secondaria. Con la prima si fanno le ceramiche più pregiate come la porcellana, la Bone China e la porcellana cinese, mentre con la seconda si fanno le maioliche, le ceramiche bianche e quelle di Faenza.

L’argilla primaria è di difficile reperibilità, si trova solo in alcune aree del mondo, inoltre è più difficile da lavorare, mentre la secondaria no, ed è per questo che è più utilizzata per oggetti di uso comune.

Le ceramiche più utilizzate nel mondo wedding sono certamente: la porcellana, la Bone China, la porcellana cinese, le ceramiche di Faenza, quelle bianche e le maioliche.

 LA PORCELLANA. Questa specie di ceramica è tra le più pregiate, può essere lucida o opaca. La lucida è più delicata e se la si picchietta risuona leggermente, mentre quella opaca no. Ha un effetto molto brillante e se si crepa non si nota ad occhio nudo.

LA PORCELLANA CINESE. Ha un colore bianco intenso e anche qui non si vedono le crepe ad occhio nudo. Sostanzialmente è meno pregiata della precedente.

LA BONE CHINA. E’ la varietà più conosciuta e utilizzata ed è facilmente distinguibile dalla porcellana per il colore. Infatti, mentre la porcellana è di colore bianco tendente al blu, la Bone China è più avorio, colore che prende perchè vengono aggiunte ceneri di ossa di animali. E’ ricoperta da uno smalto a piombo che la rende liscia e trasparente. Può essere lucida o opaca. Nel tempo si vedranno i graffi del coltello. E’ possibile trovarla in colori eccentrici.

MAIOLICHE E CERAMICHE DI FAENZA. Queste ceramiche sono molto fragili e sono soggette a scheggiature visibili. Assorbono l’unto dei cibi e con il tempo tendono a scolorirsi dove sono danneggiate. La cottura alle basse temperature consente di creare decorazioni fantastiche il che le rende molto affascinanti agli occhi dell’acquirente.

LE CERAMICHE BIANCHE. Sono di color panna e hanno un aspetto opaco. Le piccole crepe non sono visibili ma essendo porose come le maioliche, assorbono l’unto dei cibi e alla lunga tendono a mostrare la parte danneggiata.

Possiamo quindi dire che la porcellana migliore è la Bone China tra cui possiamo menzionare marchi come Royal Worcester, Coalport, Royal Crown Derby, Limonges.

Queste porcellane sono riconoscibili da un sottile bordo in platino e un profilo giovanile.

Ph by www.ebay.com

Qui in Italia invece, rimane senza dubbio Capodimonte la porcellana più nota, riconoscibile per la decorazione floreale abilmente fatta a mano.

Infine, ricordiamo la Royal Copenhagen con la linea Blue Fluted riconoscibile per un decoro floreale sottile sviluppato in blu cobalto su bianco.

Ph by www.decor8blog.com

Spero di avervi dato delle informazioni utili per la scelta del vostro servizio, e vi ricordo che fino al 30 settembre per tutti coloro che sceglieranno un allestimento con tema maioliche, avrà il progetto di allestimento gratuito!

Cosa aspetti? Contattami qui

https://dagweddingplanner.com/contatti/

Ti aspetto

Dalila Azzurra Giordano

Ph di copertina by comedceramiche.it

Se avete scelto la vostra palette ma non sapete che fiori utilizzare oggi vi do un aiutino con una piccola rubrica.

BIANCO: Rosa, Calla, Ortensia, Lilium, Peonia, Ranuncolo, Dahlia

GIALLO: Gerbera, Narciso, Rosa, Girasole, Crisantema

ARANCIONE: Zantedeschia Hot Shot, Strelizia, Dahlia, Gerbera, Crisantema, Rosa, Euphorbia fulgens

ROSSO: Rosa, Lilium, Gerbera, Peonia,

LILLA/VIOLA: Aster cassandra, Campanula, Scabiolsa, Rosa, Hydrangea, Delphinium, Freesia, Agaphanthus

ROSA: Anthurium, Bouvardia, Dianthus, Rosa, Gerbera, Dahlia, Freesia, Peonia

RUGGINE: Zantedeschia Mango, Gerbera, Rosa Leopardi, Orchidea

CELESTE: Ortensia, Agapanthus, Delphinium, Hydrangea, Nymphaea blue beauty

VERDE: Eucalipto, Hedera, Hybiscus Trionum, Hypericum, Bacche di rosa

Questa piccola rubrica potrai salvarla e consultarla quando vorrai, ma se hai ancora dei dubbi o non sei riuscito a trovare la combinazione vincente, contattami e sarò lieta di aiutarti.

https://dagweddingplanner.com/contatti/

Con affetto,

Dalila Azzurra Giordano

Foto di copertina: weddingsbylaremi